Ultimi Tweet

Home » News » Arboricoltura » Come adottare un albero

Come adottare un albero

20ago2016

Gli alberi sono importanti per le città. Molti arboricoltori, nel mondo e anche in Italia, adottano alberi, generalmente di proprietà pubblica, per eseguire interventi di recupero, cura, salvaguardia e valorizzazione, per mantenerli sani e sicuri nel tempo.
Gli alberi adottati hanno generalmente una importanza storica, paesaggistica, culturale, oppure sono di particolari dimensioni.

Ma come fare per adottare un albero? A chi occorre rivolgersi? Quali documenti presentare?
Queste sono domande che mi vengono rivolte sempre più di  frequente da arboricoltori che vorrebbero adottare un albero. Per questo ho deciso di scrivere questa piccola guida che non ha alcuna pretesa se non quella di fornire qualche indicazione utile per evitare di perdere tempo fra pratiche e scartoffie.

Scarica gratuitamente la guida: “Come adottare un albero. Guida per Arboricoltori”

L’unione fa la forza. Anche in arboricoltura
Adottare un albero può essere una azione impegnativa ed anche costosa. Per questo è consigliabile, piuttosto che operare da soli, costituire un gruppo di arboricoltori con i quali condividere il progetto di adozione.
Il coinvolgimento di figure professionali diverse ti consentirà di eseguire tutti gli interventi necessari, a cominciare da una valutazione fitopatologica e di stabilità (che è sempre consigliata ad inizio dell’adozione dell’albero). Inoltre, coinvolgendo altri professionisti, in caso di noleggio di attrezzature (es. autoscala per la potatura, motocompressore per utilizzo airspade, ecc…) o acquisto di prodotti e materiali (es. sistemi di consolidamento, prodotti biostimolanti, ecc…) potrai condividere le spese da sostenere.

Oltre all’aspetto economico, ricordati che l’adozione di un albero, e le varie attività che ne conseguono, sono una importante opportunità per attività promozionali e culturali, attraverso incontri a tema con la cittadinanza o workshop dimostrativi in occasione dei lavori sull’albero ma è anche una occasione interessante per condividere le proprie conoscenze ed esperienze con altri colleghi.
Quindi, il primo passo, è quello di trovare altri arboricoltori per condividere il progetto di adozione dell’albero.

Prendere contatti con il proprietario dell’albero
Dopo avere costituito il team per l’adozione dell’albero, la prima cosa da fare, ovviamente, è quella di prendere contatti con il proprietario dell’albero. Se si tratta di un albero di proprietà privata la cosa è sicuramente più semplice. Se si tratta di un albero di proprietà pubblica, ad esempio di proprietà comunale, è necessario rivolgersi all’ufficio che si occupa della manutenzione del verde e che ha quindi in carico la gestione dell’albero che vuoi adottare.
Troverai facilmente sul sito dell’Ente i referenti e gli estremi per il contatto diretto, come numero di telefono, mail, ecc.. Suggerisco l’invio di una mail con la proposta a Sindaco, Assessore competente e ai referenti dell’Ufficio comunale. Questo passaggio preliminare è necessario per verificare la disponibilità e l’interesse a concedere l’autorizzazione all’adozione e quindi all’esecuzione dei lavori.

Gli uffici che hanno in custodia l’albero potrebbero non conoscere gli iter autorizzativi per concedere l’adozione e l’autorizzare ad eseguire gli interventi (generalmente si parla di adozione di rotatorie, aree verdi, ma in Italia non è ancora molto diffusa l’adozione di alberi maturi o monumentali). Per questo allego alla fine della guida alcuni documenti fac-simile che, personalizzati ed adattati, potranno fornire una linea guida e facilitare le pratiche per l’adozione dell’albero.

Presentare una proposta scritta
Dopo una prima fase interlocutoria ti chiederanno di presentare una proposta scritta con le azioni e gli interventi che intendi eseguire sull’albero.
Già, ma cosa proporre?
Il cosa proporre dipende ovviamente da molti fattori, primo fra tutti le condizioni fitosanitarie e di stabilità dell’albero. E’ pertanto consigliabile eseguire come primo intervento una valutazione di stabilità da parte di un professionista abilitato. Se non te ne occupi personalmente conoscerai senz’altro qualche bravo arboricoltore che si occupa di valutazione di stabilità degli alberi da coinvolgere nel progetto di adozione.

A seguito dell’analisi si potranno definire con esattezza gli interventi necessari per il recupero, la cura e la valorizzazione dell’albero, che potrebbero essere alcuni di quelli elencati di seguito:

  • Intervento di potatura (specifica sempre che tipo di potatura intendi eseguire). Es.: diradamento della chioma, alleggerimento , rimonda del secco , ecc…;
  • Consolidamento;
  • Intervento a livello delle radici (es. decompattamento, creazione di un’area di rispetto, somministrazione di prodotti biostimolanti, somministrazione di funghi antagonisti;
  • Intervento fitosanitario;
  • ….

Allega sempre al progetto un curriculum vitae che dimostra le tue capacità operative e quelle del tuo team.

Una volta presentato il progetto, l’Ente avvierà l’iter autorizzativo per la concessione dell’adozione dell’albero. In fondo alla guida troverai alcuni documenti che ho utilizzato per l’adozione di alcuni alberi e che dovrai ovviamente personalizzare in base a ciò che intendi proporre.

Anche se nel caso di proprietà privata tutto sarà probabilmente più semplice, suggerisco comunque di presentare sempre una proposta scritta e di richiedere una autorizzazione scritta per gli interventi che intendi eseguire.

Comunicazione ed educazione!
L’adozione di un albero e gli interventi che ne conseguono è un evento speciale che deve servire anche a fare corretta cultura ed informazione sulle tecniche di gestione, valutazione ed intervento.

Ricordati di contattare giornali locali, giornali online, blogger, ecc.. e di preparare un breve comunicato stampa (un semplice documento dove descrivi perché hai deciso di adottare l’albero e che interventi hai programmato di eseguire) da mandare anche all’Ufficio stampa del Comune. Durante i lavori puoi realizzare anche un video, come questo: https://www.youtube.com/watch?v=-Ktvj95cw2Q

Le attività di adozione degli alberi si prestano al coinvolgimento delle scuole per attività di didattiche e lezioni all’aperto, magari proprio in occasione dei lavori. Inserisci la proposta nel progetto di adozione (vedi fac-simile) e contatta, con l’aiuto del comune se non hai contatti diretti, il Dirigente scolastico e le insegnati della scuola che intendi coinvolgere per concordare tempistiche ed attività educative da proporre.

Sicurezza
Ricordati che anche se le prestazioni vengono eseguite gratuitamente, nell’ambito del progetto di adozione, andranno adottate tutte le misure di sicurezza previste dalle normative vigenti in materia. Il cantiere per la realizzazione degli interventi sull’albero potrà essere “utilizzato” anche per una dimostrazione di come operare in sicurezza sugli alberi.

Scarica gratuitamente la guida: “Come adottare un albero. Guida per Arboricoltori”

Licenza Creative Commons
Come adottare un albero di Andrea Pellegatta è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.arboricoltura.info/?p=5691&preview=true.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva