Ultimi Tweet

Home » News » Attività dello studio » Interventi in prossimità di alberi con escavatore a risucchio

Interventi in prossimità di alberi con escavatore a risucchio

20feb2008

Al via importante collaborazione con ERCO srl, azienda leader nei servizi di escavazione a risucchio controllato.

Escavazione a risucchio: l’unica tecnica che permette ispezioni degli apparati radicali e lavori di scavo in prossimità degli alberi senza danneggiamenti.

L’escavatore a risucchio permette di intervenire in prossimità degli alberi senza danneggiare assolutamente le loro radici. Questo per l’eventuale posa di sottoservizi, ma anche nei casi in cui risulta importante verificare lo stato di salute degli apparati radicali delle piante.

Il macchinario ha un principio di funzionamento simile a quello di un “bidone aspiratutto”.

Grazie ad una ventola radiale che produce un flusso di aria di 10mc al secondo, ha la potenza di aspirare materiali di qualsiasi consistenza attorno alle radici degli alberi, siano questi liquidi, solidi, secchi o melmosi. Il materiale viene convogliato in un contenitore ribaltabile della capacità di 8 mc.

In questo modo gli apparati radicali delle piante vengono liberati, senza alcun danno, di tutto il materiale che si trova loro attorno. E questo consente di procedere poi con gli eventuali interventi previsti vicino all’albero senza apportare alcun danno alle radici.

L’escavatore a risucchio è dotato di una speciale lancia con ugello orientabile in grado di dirigere aria od acqua ad una velocità molto elevata per facilitare le operazioni di scavo/scalzamento in presenza di terreno molto compatto.

L’azione di decompattamento del terreno può essere effettuata su tutta la superficie sotto chioma oppure solamente su strisce predefinite di terreno, di larghezza e profondità variabili, comunemente dette “trincee”. Tali scavi vengono effettuati a raggiera partendo dal tronco.Infatti il terreno rimosso può essere miscelato con prodotti ammendanti e sostanze umiche. L’intervento produce effetti molto positivi sulle radici, soprattutto per l’aumento del tenore di ossigeno nel suolo, che è spesso un fattore limitante.